jump to navigation

Bluvertigo: una trilogia chimica 9 novembre 2007

Posted by fripp in Bluvertigo, Musica, Pop.
Tags: , ,
trackback

Ogni tanto prendo la decisione di riordinare i miei dischi, ma raramente questa decisione è seguita dall’azione.

Oggi, stranamente, o forse per fuggire dallo studio di merdotica (ovvero la robotica insegnata da uno stronzo), mi son ritrovato sul serio a metter ordine tra i miei CD e tra un disco dei King Crimson e uno dei Pink Floyd mi son ritrovato tra le mani 3 dischi che non ascolto da alcuni anni: Acidi e Basi, Metallo non Metallo e Zero, tutti e tre dei Bluvertigo.

I Bluvertigo sono stati una delle più interessanti realtà dello scialbo panorama musicale italiano e una delle mie più grandi passioni “giovanili”. Hanno purtroppo inciso solo questi tre dischi di materiale inedito prima dello scioglimento “momentaneo” (almeno così diceva il loro leader Marco “Morgan” Castoldi).

Sono tre dischi estremamente diversi, frutto di una costante maturazione del gruppo. Il primo, Acidi e Basi, è forse il più semplice dei tre; il gruppo è ancora acerbo e la sperimentazione elettronica non ha ancora un peso massiccio nelle loro canzoni. Sono evidenti le influenze musicali del gruppo, che vanno da David Bowie ai Depeche Mode (il brano “Complicità” è una cover di “Here is the house”) e che verranno ancor più palesate negli album successivi.

Il secondo album, Metallo non Metallo, è l’album del successo, quello che li ha fatti notare al grande pubblico italiano ed europeo (hanno vinto pure l’MTV Europe Musica Awards del 1998 come miglior gruppo del sud Europa). Metallo non Metallo vanta le collaborazioni di Mauro Pagani e Alice. Il gruppo dimostra la sua volontà di sperimentare ed inizia a farsi importante l’uso di tastiere e synth.

L’ultimo album, Zero, è quello più maturo e complesso dei tre. I Bluvertigo sanno perfettamente quello che vogliono e dove voglion arrivare; canzoni come “Sovrappensiero”, “La crisi”, “Autofraindentimento” sono, a mio parere, alcune tra le loro più belle e riuscite.

Un’atra cosa che mi piace ricordare dei Bluvertigo sono i loro video, tra i più originali mai fatti negli ultimi anni (non a caso sono ideati e diretti degli stessi membri del gruppo.

Peccato che dopo Zero si siano presi una pausa di riflessione un poco troppo lunga. Spero vivamente che ritornino a incidere qualcosa di nuovo al più presto

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: