jump to navigation

GrammyClient 0.1 6 dicembre 2010

Posted by fripp in C++, GNU/Linux, Informatica, Mac OS X, Musica, Programmazione, Python, Scripting, Unix, Windows.
Tags: , , , , , , , , , , , ,
3 comments

Alla fine è nato! Dopo un bel poco di settimane di sviluppo (a causa dei miei impiegni universitari) vede finalmente la luce GrammyClient 0.1, un semplicissimo client che permette di scaricare comodamente sul proprio desktop le canzoni presenti nell’enorme archivio di grammy.ru. L’applicazione è stata totalmente scritta usando la libreria PyQt4 e il parser HTML/XML BeautifulSoup, senza il quale sarebbe stato impossibile proseguire nello sviluppo.

Potete scaricare il file binario per Windows XP/Vista/7 da questa pagina. Per usare l’applicazione è necessario scaricare e installare Python versione 2.6 o 2.7 (scaricabili qui).

GrammyClient è dotato di una semplicissima interfaccia grafica, spero abbastanza intuitiva da essere capita e usata al primo (o secondo) colpo. Di seguito riporto uno screenshot:

Come potete vedere, l’interfaccia è essenziale, divisa in 3 colonne. Nella colonna più a sinistra abbiamo un campo di ricerca, in cui inserire l’artista da cercare. Non occorre che inseriate il nome completo, basta anche una porzione; il motore di ricerca del sito ricercherà tutte quelle voci che contengono la stringa da voi inserita.

Al di sotto del campo di ricerca compariranno i risultati della ricerca: una tabella con i nomi degli artisti e il numero di tracce audio che potete scaricare. Facendo doppio click su una riga (o usando il menu contestuale) potrete visualizzare nella colonna centrale gli album associati all’artista. Facendo nuovamente doppio click sul titolo di un album potrete vedere sulla colonna più a destra l’elenco delle canzoni contenute nell’album.

Per scaricare una canzone basta fare doppio click sul suo titolo. Comparirà una finestra di dialogo che vi permetterà di scegliere dove salvare il file.

In ogni istante solo 4 download possono avvenire contemporaneamente. Se aggiungete più di 4 download, quelli in eccesso verranno messi in coda in attesa del completamento di uno dei primi 4. Questo limite è imposto dai server di grammy.ru per limitare i download simultanei.

L’applicazione è naturalmente in uno stato embrionale, ma funziona dignitosamente. Non esitate a contattarmi per qualsiasi malfunzionamento. Coerentemente con i miei impegni accademici cercherò di correggere eventuali bachi.

registerimage 1.0.3 10 luglio 2008

Posted by fripp in About me, Debian, GNU/Linux, Informatica, Mac OS X, Programmazione, Python, Sistemi Operativi, Ubuntu, Unix, VirtualBox Images, Windows.
Tags: , , , , , , , , , ,
add a comment

Ho completamente riscritto in Python registerimage, la mia applicazioncina per registrare le immagini virtuali preconfezionate del progetto VirtualBox Images.

Ho deciso di usare Python per vari motivi:

  • per imparare un nuovo linguaggio;
  • per aumentare la portabilità;
  • per realizzare un’applicazione self-contained;

Questa nuova versione di registerimage non usa alcuna libreria esterna, ma solo moduli nativi della Python Standard Library; non uso più la libxml2 per fare il parsing dei file .xml, ma uso il modulo built-in xml.dom.minidom.

Ho semplificato pure l’interfaccia del programma; questa nuova versione prende sempre due argomenti in input dalla riga di comando:

  1. il path del file .xml di configurazione della macchina virtuale scaricata dal nostro progetto;
  2. il path del file .vdi della macchina virtuale;

L’utente non avrà più la necessità di spostare a mano i file .xml e .vid: ci pensa il mio programma a farlo.

Per usare la nuova versione di registerimage avrete bisongno di un interprete Python (versione >= 2.5); potete scaricare quello per Windows cliccando qui. Nei sistemi GNU/Linux e Mac OS X spesso Python è già preinstallato.

Prima di lasciarvi, devo fare un altro piccolo appunto per gli utenti Window: per usare l’interprete Python dalla riga di comando occorre che modifichiate la variabile d’ambiente PATH in modo che contenga il path dove avete installato l’interprete. A chi non sapesse come modificare tale variabile, consiglio di leggere questa guida.
Nell’immagine seguente trovate uno screenshot di come dovreste settare la variabile PATH

Ecco uno screenshot che mostra come ho usato registerimage per registrare l’immagine del sistema MINIX 3.1.2

Potete scaricare lo script cliccando qui.

registerimage 1.0.2 12 maggio 2008

Posted by fripp in C, Debian, GNU/Linux, Informatica, Mac OS X, Programmazione, Sistemi Operativi, Ubuntu, Unix, VirtualBox Images, Windows.
Tags: , , , , ,
1 comment so far

Il rilascio della versione 1.6 di VirtualBox della Sun mi ha portato ad effettuare qualche importante modifica al mio software registerimage per la registrazione automatica delle immagini virtuale create per il progetto VirtualBox Images.

L’ultima versione rilasciata è quindi la 1.0.2 (come si evince dal titolo del post).

L’ultima versione di VirtualBox ha introdotto delle novità nella struttura del file di configurazione di ciascuna macchina virtuale; questo ha reso inutilizzabile la versione 1.0.1 di registerimage, la quale è implementata per gestire solo la versione 1.2 del file xml.

La versione 1.0.2 introduce alcune novità:

  1. modifiche “stilistiche” nel codice.
  2. meccanismo di parsing dell’input da terminale più “intelligente” di quello usato nella versione 1.0.1.
  3. miglioramento nella procedura di registrazione delle immagini virtuali (adesso il programma sa gestire in maniera più funzionare i casi in cui l’hard disk virtuale è stato precedentemente registrato o i casi in cui si prova a ri-registrare un’immagine).
  4. meccanismo di conversione dei vecchi file xml versione 1.2 in file xml versione 1.3 (è quindi garantita la compatibilità tra le vecchie immagini presenti online e la nuova versione di VirtualBox)

Come al solito potete scaricare i sorgenti cliccando qui e il binario per Windows cliccando qui.

Non scaricate questa versione. Scaricate l’ultima versione (la 1.0.3) qui

registerimage 1.0.1! 27 aprile 2008

Posted by fripp in C, GNU/Linux, Informatica, Mac OS X, Programmazione, Sistemi Operativi, Unix, VirtualBox Images, Windows.
Tags: , , , , , ,
add a comment

Ho corretto qualche piccolo bug della prima versione del mio software di registrazione di immagini virtuali VirtualBox.

A causa di una mia disattenzione, la versione 1.0 prendeva in input 3 argomenti; mi sono ricordato dopo che il terzo argomento poteva esser ricavato automaticamente, senza alcuna interazione con l’utente (che può sempre sbagliare).
Potete scaricare adesso la versione 1.0.1 di registerimage .

I parametri da riga di comando (ho intenzione di scrivere un’interfaccia grafica al più presto) sono:

  1. File .xml dell’immagine virtuale che volete aggiungere alla vostra VirtualBox;
  2. File VirtualBox.xml che trovate nella cartella di installazione di VirtualBox;

Cliccando qui potrete scaricare sia i sorgenti che i binari per Windows.

Non scaricate questa versione. Scaricate l’ultima versione (la 1.0.3) qui

Per qualsiasi problema, non esitate a contattarmi!

PS: naturalmente per usare il mio programma, dovrete scaricare qualcuna delle nostre immagini!!!