A scarcity of miracles


Il 31 di maggio è finalmente uscito un disco che attendevo da anni, l’ultimo dei King Crimson. L’ultimo disco di inediti era stato pubblicato nel 2003 e da quel disco, come di consueto nella storia dei King Crimson, sono cambiate molte cose in seno al gruppo.

Tra cambiamenti di formazioni, annunci di tour in occasione dei 40° anno di carriera, incomprensioni tra Adrian Belew e Robert Fripp, in me era ormai maturata l’idea che mai più avrei riascoltato qualcosa di nuovo prodotto da questo incredibile gruppo. A smentirmi, la comunicazione, qualche mese fa, dell’uscita di un nuovo disco, intitolato “A scarcity of miracles” e presentato come un nuovo “King Crimson ProjeKct”.

I nuovi protagonisti di quest’avventura sono, oltre a Fripp, Mel Collins, che aveva fatto parte del gruppo nel periodo dell’album Islands, e Jakko Jakszyk, chitarrista e cantante della cover band 21st century schizoid band . In aggiunta ai precedenti, la sezione ritmica sarà affidata a un duo di grande spessore: il grande Tony Levin e Gavin Harrison, batterista dei Porcupine Tree e (sic) dei King Crimson.

Su YouTube è disponibile da qualche tempo il video ufficiale della titletrack e ascoltandola sono rimasto sorpreso di come Fripp abbia apparentemente deciso di abbandonare la spigolosità che ha caratterizzato la musica dei KC degli ultimi dischi (THRAK, The power to believe, The construKction of light) a favore di un suono più dolce ed evocativo, che in alcuni tratti ricorda molto gli anni ’70. Ascoltare Mel Collins ai fiati mi ricorda Islands e Red.

Attendo con ansia l’arrivo del nuovo CD, appena ordinato e intanto tengo a bada la mia frenesia ascoltando questa nuova composizione.

Annunci

Hardy Country – Andy Summers & Robert Fripp


Negli anni ’80 Andy Summers (chitarrista dei Police) e Robert Fripp (“dittatore illuminato” dei King Crimson) hanno dato vita a uno dei sodalizi musicali più interessanti di quegli anni. Peccato che sia durato soltanto il tempo di due album.

Ecco uno dei miei pezzi preferiti: s’intitola “Hardy Country” ed è tratto dal loro primo album, I advance masked.

Walking on air – King Crimson


Una delle canzoni più belle dei King Crimson, dedicata ad una persona molto cara e importante (“molto cara e importante” va moltiplicato per infinito)!

Ecco il testo:

close your eyes and look at me
i’ll be standing by your side
in between the deep blue sea
and the sheltering sky
if we find no words to say
to the rhythm of the waves
then we’ll both surrender there
walking on air

and the worries of the day lie down
under cover of the fading clouds
the secrets of the night
come alive in your eyes
you don’t have to hurry
you don’t have to try
cause you don’t have a care
you’re walking on air

King Crimson – Frame by frame


Una delle canzoni più belle dei King Crimson, Frame by frame, tratta dall’album Discipline del 1982.

Nuova incarnazione dei King Crimson, nuova musica. Questa volta Fripp si presenta con la new wave nelle orecchie e la rivisita a modo suo, creando musica “cubista”, “picassiana”, multisfaccettata.

Buon ascolto

David Sylvian & Robert Fripp – River man


Ecco il video di una delle più belle performance del duo Sylvian & Fripp: Riverman.

La canzone fa parte dell’album Gone To Earth del 1984. Questo video è un estratto di un concerto tenuto da Sylvian & Fripp durante il tour di The first day.

Buon ascolto e buona visione
Continua a leggere “David Sylvian & Robert Fripp – River man”